Casa Simoncelli: la struttura della memoria dedicata ai disabili

La Fondazione Marco Simoncelli, a quasi otto anni dalla scomparsa del campione, tiene ancora vivo il ricordo del motociclista, promuovendo un’iniziativa di notevole importanza sociale. L’apertura di Casa Simoncelli.
Una struttura, costruita a Coriano (paese in cui Marco Simoncelli è cresciuto), interamente dedicata ai disabili; promossa dalla Fondazione Marco Simoncelli e da Paolo Simoncelli, padre del compianto campione (23 ottobre 2011, durante il Gran Premio di Sepang).

Inaugurazione di Casa Simoncelli

Il progetto, costato 2,2 milioni di euro, nasce grazie a finanziamenti privati e al ricavato che la Fondazione omonima, è riuscita a raccogliere in occasione degli eventi organizzati in memoria dello sportivo; come ad esempio “Buon Compleanno Sic”
La struttura occupa più di 1000 m quadrati,ospita una piscina, un parco giochi e una palestra, oltre che numerose stanze e ambienti adibiti alla riabilitazione, all’assistenza e all’accoglienza familiare.
Sarà gestita dalla Comunità Montetauro di Coriano, che già si occupa di supportare le persone con disabilità.

Una data da ricordare

Simoncelli durante una gara

L’inaugurazione di Casa Simoncelli si è svolta domenica 20 gennaio, per commemorare simbolicamente il compleanno di Sic, che avrebbe compiuto 32 anni.
Il campione era particolarmente sensibile alla tematica della disabilità tanto che, come racconta la fidanzata Kate Fretti, in occasione delle visite alla Comunità di Montetauro, Simoncelli “è rimasto affascinato da questi ragazzi, dal loro modo di prendere la vita”.
A tagliare il nastro sono stati Kate Fretti e il padre di Marco, Paolo Simoncelli.
Hanno partecipato oltre mille persone, tra cui diversi piloti e persone vicine alla MotoGp; i Primi Cittadini di Coriano, Misano Adriatico, Riccione e Mondaino e il vescovo di Rimini.

L’iniziativa è stata accolta positivamente anche dai quotidiani nazionali, sportivi e non, i quali hanno dedicato numerosi articoli all’evento e al ricordo di Sic.

Il numero uno delle due ruote: Valentino Rossi

Valentino Rossi è sicuramente uno degli sportivi italiani più amati al mondo, grazie ai suoi 9 Motomondiali vinti e al suo carattere carismatico. Nasce ad Urbino il 16 febbraio 1979 ma trascorre la sua infanzia a Tavullia, Comune nel Pesarese che oggi ospita il fan club ufficiale del motociclista.

Il padre Graziano, noto motociclista, lo introduce nel mondo dei motori sin dalla tenera età. È proprio durante l’infanzia che Valentino inizia ad utilizzare il numero 46 per partecipare alle gare, numero che lo accompagnerà per il resto della carriera e che diventerà il suo marchio di riconoscimento in tutto il mondo. Nella sua carriera ha vinto 9 titoli mondiali: uno in Classe 125, uno in Classe 250, uno in Classe 500 e ben 9 in Classe MotoGp. Oggi, a quasi 40 anni, è secondo nella classifica generale del Motomondiale 2018 e dà ancora vita a entusiasmanti gare per la vittoria finale del Mondiale.

Valentino Rossi al microfono durante una conferenza
Fonte: Motori Fanpage

Oltre ad essere un campione di calibro mondiale, Valentino Rossi si è distinto anche nel campo della Comunicazione. È stato infatti testimonial di diversi spot tv, come Fastweb ma soprattutto Nastro Azzurro. Sono stati inoltre girati alcuni film e documentari sulla sua figura.

Valentino Rossi, “The Doctor” fuori e dentro il campo

Nel 2005 “The Doctor” (il suo celebre soprannome) si è inoltre fregiato del titolo di “Dottore in Comunicazione e Pubblicità per le Organizzazioni”. Laurea Honoris Causa conferitagli dall’ Università degli studi di Urbino “Carlo Bo”.

Laurea Honoris Causa DI Valentino Rossi. Università Carlo Bo
Fonte: Il Resto del Carlino

La Laurea è stata un Premio per le sue doti di comunicatore. Grazie al suo carattere e al suo risalto mediatico, Valentino è riuscito a far appassionare giovani, appassionati di motori e i non addetti al mestiere. Lo stesso, in occasione della Laurea, ha dichiarato: “Certo che io ho faticato per prendere la laurea: ho dovuto vincere sei mondiali!”. Attualmente il motociclista conta 13 milioni di fan su Facebook e più di 5 milioni di followers sia su Twitter che su Instagram. Il suo stile diretto e simpatico ha conquistato proprio tutti e ci auguriamo che Valentino continui a vincere dentro e fuori la pista.