COMUNICATO STAMPA WECOMSPORT

Il 19-20 settembre La Sapienza Università di Roma presenta
il Primo Festival della Comunicazione Sportiva.

Martedì 19 settembre, dalle 9.30 alle 19.30 e mercoledì 20 settembre, dalle 10.30 alle 19.30, la sede di Via Salaria del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale de La Sapienza Università di Roma accoglierà la prima edizione di WeComSport, Primo Festival della Comunicazione Sportiva ed unica kermesse nazionale sul tema organizzata da un’università statale, in particolare dalla cattedra di “Gestione e Comunicazione degli Eventi”, con la prof.ssa Barbara Mazza in qualità di responsabile scientifico, e dai suoi studenti più validi.

L’evento, patrocinato da Ministero dell’ambiente, Comune di Roma, CONI e Rai, prevede lo svolgimento di numerose attività, articolate in cinque panel in cui si avvicenderanno importanti ospiti italiani ed internazionali, tra grandi firme del giornalismo come Alessandro Vocalelli, Pierluigi Pardo e Ivan Zazzaroni e direttori del ramo Comunicazione & Marketing del CONI, di aziende e dei principali eventi sportivi romani: Internazionali di Tennis, Maratona di Roma, Piazza di Siena, Torneo Sei Nazioni e EUR SPA con Formula E. Saranno presenti studiosi del settore provenienti da atenei italiani ed esteri e rappresentanti delle principali istituzioni sportive, come Diego Nepi, CONI, Marco di Paola, Presidente Fise, Alfredo Gavazzi, presidente FIR, Enrico Castrucci, presidente della Maratona di Roma e Roberto Diacetti, presidente di Eur spa.

I panel tratteranno argomenti diversi con format altrettanto variabili: un convegno scientifico, una tavola rotonda in cui si analizzerà il rapporto tra sport e media, un cineforum realizzato in collaborazione con Istituto Luce, TecheRai e Coris Telelab, un talk show in cui si valuterà l’impatto degli eventi sportivi sulla città di Roma e un workshop per fare il punto sul legame tra sport e sponsorizzazioni. Le giornate saranno corredate da mostre multimediali realizzate per ripercorrere la storia della comunicazione sportiva, con materiali concessi da Corriere dello Sport, Maratona di Roma, Federazione Italiana Rugby e Federazione Nazionale Sport Equestri.

Durante il Festival verranno inoltre premiati i vincitori dei contest indetti da WeComSport in collaborazione con Corriere dello Sport, Maratona di Roma, 6 Nazioni.
L’evento sarà gratuito ed accreditato dall’Ordine dei Giornalisti Lazio, per la formazione professionale continua dei giornalisti.

WECOMSPORT: IL SECONDO PANEL

Dopo aver svelato i contenuti del primo panel, che occuperà tutta la mattinata del 19 settembre, è il momento di farvi conoscere l’argomento su cui si incentrerà il secondo dibattito previsto per il pomeriggio e intitolato “Sport e media, un matrimonio indissolubile?”.

Sono passati ormai tre decenni da quando la letteratura in materia ha sancito l’ineludibile intreccio fra sport e media, evidenziando che si tratta di un matrimonio di interesse, o ancor meglio, di reciprocità di interessi. Per questo, non potevamo di certo non inserirlo fra temi di WeComSport. A partire dalla considerazione che anche i matrimoni più solidi a lungo andare possono incorrere in difficoltà o, anche solo in variazioni di equilibri interni, la domanda da porsi è: come procede questo legame fra sport e media, specie in considerazione dei cambiamenti tecnologici, culturali, economici e professionali intervenuti nel tempo e ancor più negli ultimi anni? E ancora, quali le prospettive per il futuro?

L’obiettivo della “tavola rotonda”, alla quale parteciperanno esperti, cronisti, giornalisti, conduttori, commentatori e blogger è finalizzato proprio a ripercorre la storia del racconto dello sport, esaminando i dietro le quinte, vecchi e nuovi stili del linguaggio e delle modalità di cronaca.

Dalla TV alla stampa al web: cosa cambia nella professione del giornalista sportivo, nel modo di gestire le notizie, di riportare i momenti salienti, di commentare, talora esaltando le emozioni e talatra rappresentando e amplificando i fenomeni sociali?

Insomma si parlerà a tutto tondo della comunicazione sportiva divulgata dai media, diversi per tipi, target e caratteristiche, ma uniti dalla necessità e dalla volontà di parlare di sport.

WECOMSPORT: IL PRIMO PANEL

In attesa che il nostro Gaios arrivi a destinazione, oggi vi presentiamo il primo dei cinque panel di WeComSport: “Raccontare lo sport, attori, eventi e territori”.

Ma cosa significa raccontare lo sport, quale formula narrativa si utilizzerà?

Per noi di WeComSport, “raccontare lo sport” è sinonimo d’indagine e analisi scientifica delle correlazioni positive e negative che il mondo sportivo, nella sua accezione più generale, intrattiene con l’ambiente circostante.

Il format utilizzato, scelto come soluzione narrativa, sarà il Convegno scientifico al quale saranno presenti studiosi nazionali e internazionali, esperti del tema e pronti a “svelare” alcuni temi caldi dei successivi panel.

La riflessione si svilupperà intorno al complesso di fenomeni sociali che lo sport esplica, veicola e rappresenta e alle grandi tematiche che intrecciano il rapporto tra sport e comunicazione: dal ruolo dello sport nella società alla questione dell’inclusione sociale, specie alla luce dei drammatici eventi accaduti in Francia; dal loisir al management degli eventi, dagli aspetti culturali a quelli economici.

Un convegno scientifico quindi dall’ampio raggio d’azione all’interno del mondo sportivo, pronto a mettere in luce anche quegli angoli nascosti del panorama sportivo.

Aperto al dibattito, al contradditorio e alle vostre domande e curiosità, questo primo panel permetterà a tutti i partecipanti di arricchire il proprio bagaglio culturale e di scoprire gli esiti dei più recenti studi su Sport, Società e Comunicazione.