Sport antidoto sociale: la terza agenzia educativa

WECOMSPORT – 1° FESTIVAL DELLA COMUNICAZIONE SPORTIVA

TITOLO: Sport antidoto sociale: la terza agenzia educativa

RELATORE: Roberto GHIRETTI – Docente “Master internazionale di economia dello Sport” Università degli studi di Parma

roberto.ghiretti@sgplus.it

 

ABSTRACT

Analizzando la capacità pervasiva e il tempo trascorso a svolgere attività motoria, lo sport rappresenta oggi la terza agenzia educativa dopo la famiglia e la scuola. Partendo da questa consapevolezza il mondo sportivo, e gli operatori che in esso vi operano, devono prendere coscienza di tale ruolo, attuando nuove strategie e nuove progettualità per intercettare i giovani, offrendo loro nuovi modelli di coinvolgimento.

Queste nuove strategie devono però partire da un’attenta analisi dell’attuale mondo giovanile per comprendere le abitudini, le difficoltà e i bisogni che li rappresentano e li differenziano dagli adolescenti di dieci anni fa. Si tratta di dati e comportamenti che purtroppo appaiono sempre più preoccupanti e che tratteggiano una fascia di popolazione sempre più sedentaria, incline all’abuso di sostanze e alcool che alimentano sempre maggiori situazioni di disagio, reale o sul web.

Partendo dall’analisi dei dati più aggiornati a livello nazionale ed internazionale e presentando le principali case histories di successo, l’obiettivo sarà quello di tratteggiare un nuovo modello di sport, più consapevole del proprio ruolo, maggiormente capace di stringere alleanze educative e, di conseguenza, più pronto per mettere in atto strategie e progettualità per rispondere ai nuovi bisogni dei giovani di oggi.

 

 

WECOMSPORT – 1° FESTIVAL OF SPORT COMMUNICATION

TITLE: Sport social antidote: the third educational agency

RELATORE: Roberto GHIRETTI – Professor at “Master Internazionale di Economia dello Sport” (International Master of Sport Economics) Università Degli Studi di Parma.

roberto.ghiretti@sgplus.it

ABSTRACT

Analyzing the pervasive ability and time spent physical activity it result that sport is now the third educational agency immediately after the family and the school. Starting from this awareness, the sports world, and the operators involved in it, must be aware of this role by the implementation of new strategies and new designs in order to intercept young people by offering them new models of engagement.

However, these new strategies must start from a careful analysis of the current youth world in order to understand the habits, difficulties and needs that represent and differentiate them from adolescents of ten years ago. These are data and behaviors that, unfortunately, are becoming more and more worrying because they represent a growing range of people who are increasingly sedentary, prone to abuse of substances and alcohol, which are fueling ever-greater situations of social despair, either in real life or on the internet.

Starting from the analysis of the most up-to-date national and international data and presenting the most successful case histories, the aim will be to outline a new model of sport, aware of its role, capable of forming educational alliances and, consequently, ready to implement strategies and design to meet the new needs of today’s youth.