Il ruolo dei social network nella comunicazione sportiva

TITOLO: Il ruolo dei social network nella comunicazione sportiva

RELATORE: Luca MAZZELLA DI BOSCO – Overtime

overtimebasket@libero.it

1,5 miliardi di persone accedono a Facebook almeno una volta al mese, 1 miliardo lo usa ogni giorno, 45 minuti è il tempo di permanenza media giornaliere di ogni utente sui social. Al giorno d’oggi è praticamente impossibile pensare che la comunicazione, sportiva ma non solo, non passi tramite questi canali. I social sono diventati una risorsa vitale per la diffusione dei contenuti e delle notizie.

Ma in che modo hanno influenzato la comunicazione sportiva? Perché ormai ogni Società accanto alle figure “convenzionali” del comparto sportivo e amministrativo preferisce affiancare un responsabile alla comunicazione a mezzo social? E perché col passare del tempo ogni annuncio, statistica, richiesta, sondaggio, presentazione o conferenza sono veicolati sui “profili” delle Società e non più su carta scritta o sui siti web?

Nell’epoca di Facebook, dei “cinguettii” su Twitter e delle storie su Instagram saper comunicare è diventata una delle skills di cui ogni Società professionistica deve dotarsi. E’ proprio per questo che con l’obiettivo di avere una diffusione dei contenuti sempre più ampia, più coinvolgente e più diretta i comunicati stampa, le dichiarazioni dei giocatori o degli allenatori, i trasferimenti, le statistiche, vengono date in pasto al web proprio tramite i social. Non è inoltre da trascurare il fattore “aggregante” che questi vantano, unendo e connettendo tifosi e appassionati di ogni parte del mondo.

Oggi, i social network sono probabilmente i comparti su cui le Società sportive stanno investendo di più, sulla scorta del modello americano che già prima di noi ne aveva intravisto prospettive e potenzialità. Ma a livello culturale c’è ancora moltissimo da fare per reggere il confronto, sebbene la strada sembri ormai positivamente segnata.